Endodonzia - Centro Polimed
Polimed è un centro odontoiatrico moderno e funzionale che si pone all’avanguardia nel settore. Il nostro obiettivo è rendere le cure dentali un servizio professionale accessibile a tutti.
Estetica dentale, Odontoiatria, Ortodonzia, Faccette Dentali, Ortodonzia invisibile, Sbiancamento dentale, implantologia, conservativa, endodonzia, parodontologia, odontoiatria pediatrica, igiene dentale, prevenzione dentale, protesi dentale, odontostomatologia, radiologia, ortodonzia linguale, ortodonzia fissa, dentista, odontoiatra, dentista afragola,
273
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-273,bridge-core-2.8.6,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.3,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-27.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-6

Endodonzia

Cos’è l’Endodonzia

Endodonzia è la scienza medica, nell’ambito dell’Odontoiatria, che ha per oggetto i tessuti interni del dente, le patologie e i trattamenti correlati. Quando questi tessuti o i tessuti che circondano la radice dentale si ammalano o danneggiano a causa di carie o traumi, il trattamento endodontico permette di salvare il dente.

Perchè devitalizzare un dente?

È necessario devitalizzare un dente quando la polpa (il tessuto molle all’interno del dente detto comunemente nervo), si infiamma o si infetta.

LA DEVITALIZZAZIONE

La devitalizzazione spesso può essere effettuata in una o più sedute e comporta i seguenti passaggi:

  1. Come dai nostri protocolli si esamina il dente e si fa una prima radiografia, poi si somministra l’anestesia locale. Dopo aver addormentato il dente, si colloca sulla zona un piccolo foglio di gomma chiamato diga, che isola il dente, mantenendolo libero dalla saliva durante l’intervento.
  2. Nel caso in cui la corona del dente sia particolarmente distrutta, e quindi impossibile collocare correttamente la diga, si procede con la ricostruzione della corona per il posizionamento della stessa. Questa fase si chiama pre-trattamento coronale.
  3. Si pratica quindi un’apertura sulla corona del dente per rimuovere la polpa nella camera pulpare. Con dei piccoli strumenti rotanti di ultima generazione, collegati ad un misuratore di Apice per controllare la lunghezza del canale, si rimuove la polpa residua, si applicano dei lavaggi con acqua ossigenata e ipoclorito al fine di disinfettare il canale e rimuovere il fango dentinale (trattamento canalare).
  4. Si esegue una seconda radiografia endorale con gli strumenti canalari inseriti all’interno del canale per verificare che i nostri medici, come da protocollo, siano arrivati all’apice della radice.
  5. A questo punto si procede al riempimento dei canali radicolari con dei materiali biocompatibili e si sigilla perfettamente fino in fondo. Nella maggior parte dei casi l’apertura viene chiusa con un’otturazione temporanea che verrà rimossa prima della ricostruzione con perni al Quarzo, necessaria per dare una buona consistenza al dente.
  6. Si effettua la terza ed ultima radiografia endorale per verificare che la sigillatura del canale sia stata effettuata correttamente.
  7. Dopo questo intervento, nella maggior parte dei casi, si inserisce una corona per proteggere il dente permettendo di ripristinare la corretta funzionalità.

Anche questo tipo di intervento odontoiatrico può essere eseguito in sedazione

LE CAUSE

L’infiammazione o l’infezione possono avere diverse cause:

  • – Carie profonda
  • – Interventi dentistici ripetuti
  • – Dente scheggiato o rotto

Se non si cura per tempo l’infiammazione o l’infezione della polpa(nervo), il dente può iniziare a far male e si può formare un ascesso.

I Sintomi

Tra i sintomi a cui fare attenzione troviamo:

  • – Dolore
  • – sensibilità prolungata al caldo o al freddo
  • – dolore quando si tocca il dente o si mastica
  • – scolorimento del dente
  • – gonfiore

(A volte, però, non ci sono sintomi evidenti.)

LE CAUSE

Per effettuare una buona odontoiatria la diga di gomma è un ausilio di grande importanza. A parte rari casi va sempre utilizzata per l’endodonzia ed è fortemente indicata per tutta la conservativa adesiva (le otturazioni estetiche).

Permette di avere un ottimo controllo del campo operatorio, di evitare contaminazione da parte della saliva, evitare l’ingestione di sostanze o strumenti utilizzati nelle terapie e, nel caso di rimozione di un’otturazione in amalgama, di evitare (o meglio, ridurre al minimo) l’assorbimento della limatura di argento/mercurio.

La diga è un foglio in lattice dal quale, attraverso appositi buchi, si fanno uscire i denti su cui si deve lavorare; questo ci consente di isolarli dal resto della bocca e di poter lavorare in un campo asciutto. Il foglio viene tenuto teso da un apposito archetto e rimane fissato ai denti attraverso degli uncini di forma specifica per ogni misura di dente.

Inviaci un messaggio e ti risponderemo al più presto